SAINT SEIYA OMEGA - EPISODIO N77

L'ORA E' GIUNTA! LA RIUNIONE DEI CAVALIERI DI ATENA!

Disegnatori Yoshitaka Yashima

Data: Estate 2005 circa.

Personaggi presenti: Koga, Subaru, Eden, Ryuho, Soma, Haruto, Yuna, Seiya, Shun, Shiryu, Hyoga, Ikki, Europa, Saori, Kiki, Fudo, Harbinger, Integra, Titan, Aegaeon, Pallas, Pallasite.

Il gruppo di Koga ha finalmente raggiunto la zona antistante il castello di Pallas, ma di guardia ci sono centinaia e centinaia di soldati Pallasite dal cosmo molto vicino ai terza classe. Subaru vorrebbe lanciarsi subito nella mischia, ma viene preceduto da Ryuho che salta in campo e inizia a combattere, riunendosi al gruppo e avvertendo tutti loro che anche Saori è quasi arrivata. Il ragazzo non è solo, visto che anche Ikki sta facendo strage di avversari, infischiandosene del numero per permettere ai ragazzi di proseguire e aprire un passaggio per Atena. Con la Fenice che attira i nemici, Koga e gli altri riprendono la corsa, mentre, più indietro, Saori procede insieme a Seiya, Harbinger, Kiki, Fudo e Integra. Pallas percepisce che la sorella si sta avvicinando e ne è felice, ignara che Aegaeon prevede la morte di entrambe nello scontro che verrà fuori. Titan però pone un ultimo ostacolo sul cammino di Atena e chiude il Cancello del Tempo, bloccando l'ingresso alle mura interne della fortezza. Eden spiega agli amici che quel cancello è l'unica strada per proseguire, ma che a causa del cosmo di Titan attorno a esso il tempo è paralizzato, così Koga decide di distruggerlo nonostante sia protetto da plotoni e plotoni di nemici. Sotto lo sguardo divertito di Europa, che comanda le truppe, i Cavalieri si lanciano alla carica e si fanno faticosamente largo tra le centinaia di Pallasite. Ben presto però l'inferiorità numerica inizia a farsi sentire, obbligando prima Yuna e Soma, poi Ryuho e Haruto, e infine Subaru a staccarsi e restare indietro a combattere per permettere a Koga ed Eden di raggiungere il cancello. Qui il Cavaliere di Orione se la vede con Europa, lasciando Pegasus libero di attaccare il Cancello, ma solo per scoprire che il cosmo di Titan è più potente e vanifica sia il RyuSeiKen che il SuiSeiKen. Per di più, il potere del Cancello inizia lentamente a pietrificarlo come se avesse subito il Chrono Delayed.

Nella mischia, i vari Cavalieri iniziano a essere messi alle strette dalle infinite orde di nemici, e anche Eden ha rapidamente la peggio contro Europa. Con Koga sempre più tramutato in pietra, il gruppo intero è a un passo dalla sconfitta quando quattro colonne di luce atterrano sul campo di battaglia e danno loro soccorso: sono i Cavalieri leggendari Hyoga, Shun, Ikki e Shiryu, cui Ryuho lancia subito la Cloth Stone della Bilancia, permettendo al padre di indossarla. Grazie a loro, le armate di Pallasite sono rapidamente annientate, appena in tempo per l'arrivo di Saori, Seiya e i Cavalieri d'Oro. Ora che la situazione si è invertita, è Europa a essere costretto a ritirarsi, ma ormai Koga è completamente pietrificato. Per salvarlo e sfondare il Cancello, Saori chiede a tutti di inviare i loro cosmi al ragazzo, superando il cosmo di Titan e permettendo a Koga di tornare normale e distruggere l'ostacolo. La via per il cuore della fortezza è finalmente aperta.

DVD: L'episodio è presente nel 20 DVD e Blu-Ray.

Scene extra DVD: /

La logica, questa sconosciuta La strategia della freccia ricorda più che altro un trenino e lascia scoperti sui fianchi e alle spalle. L'armatura della Bilancia evolve in New Cloth senza che nessuno dica nulla.

Note: 4. Un episodio con il solito difetto di disegni e animazioni scadenti per compensare quelle sopra la media del precedente. La regia cerca di ovviare con l'effetto polvere e sfruttando le sagome, ma alla fine l'intera puntata sembra servire solo a riunire il gruppo e preparare l'ingresso nel castello di Pallas, senza che il potenziale della battaglia contro un esercito immenso di nemici venga sfruttato a dovere. Questo è l'ultimo episodio della prima metà della seconda stagione di Omega, chiamato New Cloth Chapter e dedicato appunto al risveglio delle varie nuove armature.

Ryuho era l'unico protagonista mancante, essendo stato separato dal gruppo da Paradox nel 75 episodio. Come intuibile, conosceva già Ikki, pur non essendo stato presente al suo arrivo la puntata scorsa. In combattimento contro i soldati, lui e Haruto usano i loro elementi acqua e terra praticamente per la prima volta dal 51 episodio, visto che, come già notato in precedenza, la seconda ha deciso di mettere meno enfasi su questa novità a favore di un maggiore uso di attacchi energetici. Fuori scena, Kiki e Seiya si sono ricongiunti a Saori, che sta quindi avanzando con tutti i Cavalieri d'Oro a sua disposizione. Il fatto in particolare che Seiya arrivi alle mura dopo il gruppo di Koga è abbastanza bizzarro, trattandosi di un Cavaliere d'Oro ed essendo stato meno coinvolto in scontri e situazioni particolari, ma è possibile che abbia attirato su di sé il grosso dell'esercito nemico per agevolare l'avanzata degli alleati. Se i soldati semplici dei Pallasite erano sempre sembrati numerosi, qui ne vediamo centinaia e centinaia, facendoli balzare al primo posto per numero tra tutte le armate viste nelle varie serie. Dopo un imbarazzante momento trenino, i protagonisti si separano, con Soma e Yuna che sono i primi a lasciare il gruppo: seppur probabilmente casuale, simboleggia bene il loro calo di importanza rispetto alla prima stagione, dove la ragazza in particolare era stata spesso la più importante del gruppo dopo Koga. Ora invece l'enfasi sembra essersi spostata su Ryuho e, soprattutto, Eden, che mantiene spesso una posizione di primo piano come braccio destro di Koga nelle scene di gruppo. Nell'affrontarlo, Europa lo chiama giustamente principe, in quanto figlio di Mars.

Viene confermato che gli effetti del Chrono Delayed dipendono dal cosmo di chi lo esegue, e sono particolarmente efficaci se c'è di mezzo un Pallasite di prima classe. È infatti appena la seconda volta che Koga viene pietrificato, e la precedente era stata nel 62 episodio a causa della spada di Hyperion in mano ad Aegir. Dopo essere comparsi brevemente nelle puntate precedenti, tornano in azione Hyoga, Shiryu e Shun, con il primo che mostra totalmente la New Cloth del Cigno - evolutasi evidentemente fuori scena - e il secondo che ottiene da Ryuho la Cloth Stone della Bilancia, lasciata al ragazzo da Geki dopo il funerale di Genbu del 63 episodio. In mano a Shiryu, l'armatura evolve immediatamente in New Cloth, con forme praticamente simili a quelle del manga classico e un diadema a forma di drago stilizzato al posto di quello storico a testa di tigre. Drago e tigre sono animali sacri in Cina e rappresentano calma/saggezza e furore/aggressività: in questo senso, se in passato in mano a Doko era l'elemento tigre a essere prevalente, con il drago ridotto solo alle presunte scaglie su schinieri e bracciali, ora è il secondo a farla da padrone, a simboleggiare la maggior saggezza di Shiryu. Il Cavaliere diventa inoltre ufficialmente Cavaliere d'Oro, il secondo protagonista classico dopo Seiya, anche se in passato Genbu aveva dato a intendere che l'armatura gli fosse già appartenuta sin dalla scomparsa di Doko. Si può ipotizzare che tutta la morte di Genbu sia servita proprio allo scopo di riportare Shiryu in scena senza togliere corazza e titolo a Ryuho. Hyoga interviene invece in aiuto di Soma e Yuna, con la ragazza che lo riconosce e chiama per nome: l'idea che si conoscessero era stata suggerita nel lontano 21 episodio, quando la ragazza portò Koga nella caverna dove Hyoga viveva, affermando che era stato lì che anche lei si era liberata delle sue debolezze.