SAINT SEIYA LOST CANVAS

CAPITOLO 23 - UN CORTEO FUNEBRE FLOREALE

Personaggi Presenti: Minosse, Albafica, Sion, bambina di Rodorio.

Data: 1743 circa.

Lunghezza: 20 in b/n.

Albafica, seppur sanguinante, avanza con una rosa tra le dita, scusandosi con Sion per averlo obbligato ad intervenire. Minosse è preoccupato perchè non credeva che il cavaliere fosse sopravvissuto, e gli chiede perchè sia venuto sul campo di battaglia nonostante le gravi ferite. Secondo lo Spectre, gli sarebbe stato più congeniale morire in bellezza, piuttosto che combattere ancora, sporco di sangue e fango, rovinando il proprio splendido aspetto. Per rispetto al nemico, Minosse gli offre di andarsene e restare in vita, ma Albafica rifiuta, spiegando che fino a quel giorno aveva vissuto per lo più in solitudine, isolato per via del suo sangue e preferendo concentrarsi solo sulla propria bellezza, ma questo non dà comunque allo Spectre il diritto di giudicarlo. Con fierezza e determinazione, Albafica dichiara la sua scelta: combattere. Minosse accetta di riprendere il duello da dove lo avevano interrotto e subito Albafica sferra il Crimson Thorn, facendo sprizzare tutto il proprio sangue dal corpo e lanciandolo contro il nemico, che immediatamente si difende con le ali della Surplice, restando incolume. Sion osserva spaventato la scena, timoroso perchè il compagno sta usando tutto il sangue che possiede, rischiando quindi la vita, ma Albafica persiste, fino a crollare in ginocchio esausto. Soddisfatto, Minosse si prepara a finirlo e dedicarsi a Sion, ma l'Ariete gli indica il torace, ed in quel momento lo Spectre sputa sangue. Sbalordito, Minosse guarda il petto, scoprendo con orrore una rosa conficcata vicino al cuore, e quasi immediatamente inizia a barcollare. Lo Spectre crede sia una rosa rossa, ma Sion spiega che in realtà è una rosa bianca, diventata rossa a causa del suo sangue, e per lo più avvelenata dalla linfa di Albafica. Sion afferma che la forza del cavaliere dei Pesci è la sua tenacia, che lo ha spinto a rischiare il tutto per tutto, ma Minosse non se ne è reso conto in tempo e non ha capito che il Crimson Thorn era stato solo un diversivo. Gravemente ferito, lo Spectre continua a non darsi per vinto e sferra il Turbinio di Piume alla massima potenza possibile per annientare i nemici e distruggere il villaggio. Il suo sorriso di trionfo però si trasforma in stupore non appena si accorge di essere circondato da una cupola di luce, che ha fermato il suo assalto. Si tratta del Crystal Wall di Sion, intervenuto per proteggere il villaggio ed i compagni. Oramai privo di forze, Minosse si schianta al suolo, mentre il Crystal Wall scompare e Sion corre subito a soccorrere Albafica insieme alla bambina. Per il cavaliere dei Pesci però ormai è finita, e, dopo un ultimo sorriso nel vedere i petali delle sue rose, spinti in aria dal turbine di Minosse, fluttuare verso di lui, Albafica si spegne serenamente.

Glossario: /

Manga: Il capitolo è stato pubblicato sul numero 6 di Lost Canvas edizione italiana.

La logica, questa sconosciuta: Una delle regole della serie classica era che non si potevano lanciare due attacchi contemporaneamente, ma ora Albafica usa insieme il Crimson Thorn e la Rosa Bianca.

Note: "Io ho sempre vissuto circondato da queste rose...ma è la prima volta...che mi accorgo della loro bellezza" Un capitolo altalenante, che conclude un pò troppo in fretta il duello tra Albafica e Minosse, riducendolo a poco più di uno scambio di colpi segreti. È tuttavia molto apprezzabile la caratterizzazione del cavaliere dei Pesci, che mostra ancora una volta notevole volontà e spirito di sacrificio. Il titolo italiano riprende quello della morte di Fish nella serie classica, ovvero "Corteo funebre di rose". Per la prima volta, Albafica ammette di tenere al proprio aspetto fisico, mostrando almeno un punto in comune con il suo corrispondente della serie classica. Nel caso di Albafica però, questa cura della bellezza era stata conseguenza della solitudine cui l'aveva costretto il suo sangue avvelenato, mentre non sappiamo se per Fish c'è un motivo simile. Il Crimson Thorn di questo capitolo mostra quanto intuito in precedenza, ovvero che Albafica può decidere la quantità di sangue da usare quando scaglia questa tecnica: più sangue rende l'attacco più lungo e pericoloso, ma ovviamente indebolisce maggiormente il cavaliere dei Pesci. A giudicare dalle immagini, Albafica combina la rosa bianca ed il Crimson Thorn, inzuppandola del proprio sangue avvelenato e conficcandola nel cuore di Minosse. In questo modo, lo Spectre viene ferito sia dal potere della rosa che dal sangue avvelenato, che peraltro entra in circolazione ancora più velocemente del normale. Sion usa il Crystal Wall non per creare una barriera normale, ma una vera e propria cupola cubica, con cui circonda Minosse, annullandone l'attacco. L'immagine successiva non è chiarissima, ma Minosse sembra crollare a terra, svenuto o morto per i colpi di Albafica. I petali che cadono alla fine del capitolo sono probabilmente quelli che Minosse aveva spazzato via nel 21.