SAINT SEIYA LOST CANVAS

CAPITOLO 31 - RITORNO ALLA VITA

Personaggi Presenti: Tenma, Asmita di Virgo, Yato, Yuzuriha, Stand, Spectre, saggio del Jamir.

Data: 1743 circa.

Lunghezza: 20 pagine in b/n.

Tenma si risveglia sulla Terra, nella torre in Jamir, accanto al vecchio saggio, che è soddisfatto di rivederlo tra i vivi. Il ragazzo riconosce l'uomo dal racconto di Yato, ma poi si ricorda dei due compagni di viaggio e si volta verso di loro. Yuzuriha è sveglia, ma accanto a lei il cavaliere di Unicorno è ancora svenuto. Guardandolo preoccupata, la ragazza spiega a Tenma che, vicini all'uscita, si erano imbattuti in uno Spectre, e che Yato si era offerto di affrontarlo da solo per farli proseguire. Tenma capisce che Yato lo ha fatto per lui e gli grida di svegliarsi, perchè non vuole scambiare la propria vita con la sua. In Ade, Unicorno è in difficoltà contro il gigantesco Stand, che lo calpesta senza pietà per schiacciarlo. Cercando di reagire, Yato colpisce il nemico con un calcio, ma quest'ultimo risponde con il suo colpo segreto, lo Stand By Me, intrappolandolo con le zampe della Surplice e sbattendolo duramente contro una parete in rovina. Messo male, Unicorno sta per arrendersi e perdere i sensi, ma all'ultimo istante ricorda Sasha e la promessa di tornare al Grande Tempio, e questo gli dà la forza di riaprire gli occhi. In un lampo di luce, il suo corpo scompare, mentre l'anima ritorna nel mondo dei vivi permettendo al cavaliere di svegliarsi in Jamir. Accolto dagli amici, il ragazzo non capisce cosa sia successo, finchè il saggio non spiega che la spada, benedetta da Atena, gli ha permesso di abbandonare Ade. Osservando la lama, Yato nota che c'è una crepa, segno che ha subito la maggior parte dello Stand By Me, proteggendolo da danni più gravi. Ad ogni modo, ora che la missione è compiuta e sono tutti salvi, Tenma ringrazia Yato e Yuzuriha, strappando loro un sorriso per i suoi modi bruschi, ma si augura anche che il destino non li porti presto di nuovo tutti in Ade, stavolta da defunti. Il saggio conferma le paure del cavaliere, ed ammette che l'ombra di Hades ormai si è estesa fino a quei luoghi sperduti, ed infatti fuori dalla torre, sul ponte di pietra sospeso, si trovano quattro Spectre. Questi ultimi sono stati inviati ad uccidere tutti i nemici, inclusi Yuzuriha ed il vecchio, ma dopo aver percorso pochi passi sul ponte sospeso, si accorgono che quest'ultimo si è allungato a dismisura. In quel momento, una voce li incita a proseguire visto che si trovano sulla strada che conduce alla morte, e nello stesso istante sul ponte, alle spalle degli Spectre, compare Asmita della Vergine. I quattro guerrieri cercano di contrastarlo, ma al cavaliere d'oro basta un gesto per massacrarli, facendo cadere i loro corpi nel burrone sottostante.

Glossario: /

Manga: Il capitolo è stato pubblicato nel n 8 Italiano.

La logica, questa sconosciuta: Se Sasha o i manufatti benedetti possono riportare in vita i cavalieri in qualsiasi momento, che bisogno c'era di ritornare all'ingresso dell'Ade? Gli Spectre non hanno mai incontrato il saggio del Jamir, quindi non dovrebbero sapere della sua presenza nella torre, o comunque non sapere che chi sta aiutanto Tenma e Yato è un vecchio. Gli Spectre sono cinque nella prima tavola, ma solo quattro in tutte le successive.

Note: "Sono qui per recitare la vostra orazione funebre!" Un capitolo che sviluppa poco la storia complessiva, ma che ha almeno il merito di mostrare per la prima volta Stand in azione, dopo la sfortunata comparsata nella serie classica. In qualche momento, probabilmente prima di partite per la missione, Yato e Yuzuriha avevano parlato a Tenma del saggio del Jamir, probabilmente indicandone per sommi capi l'aspetto o l'età, visto che il ragazzo lo riconosce subito. Tenma invece non ricorda niente dell'incontro con Stand, a dimostrazione del fatto che era completamente svenuto alla fine dello scorso capitolo. A giudicare dal combattimento, Stand ha uno stile di lotta totalmente fisico, ed anche lo Stand By Me sembra una semplice presa, effettuata con le zampe della Surplice, dopo la quale schiacciare il nemico contro qualcosa. Guardando lo sfondo nella quinta pagina del capitolo, il luogo di combattimento sembra l'esterno dell'edificio in cui Fedor aveva intrappolato Tenma. In qualche modo, forse su indicazione di Aaron, gli Spectre hanno localizzato la torre in Jamir e l'hanno raggiunta, verosimilmente superando le insidie del cimitero dei cavalieri. Al momento, il drappello sembra formato da cinque guerrieri, tutti inediti, anche se almeno quattro di loro vengono uccisi da Asmita. Nell'eliminarli, il cavaliere d'oro non indica il nome di un colpo segreto, ma l'immagine alle sua spalle suggerisce che ha usato l'Abbandono dell'Oriente (Tenma Koufuku/Sottomissione dei demoni).