SAINT SEIYA LOST CANVAS

CAPITOLO 56 - LA FORESTA

Personaggi Presenti: Tenma, Yato, Yuzuriha della Gru, Manigoldo di Cancer, zombie.

Data: 1743 circa.

Lunghezza: 20 pagine in b/n.

Tenma, Yato e Yuzuriha avanzano con prudenza nella strana foresta che sembra aver inghiottito il villaggio, tesi e convinti che ci sia qualcosa di strano. Guardandosi attorno, si accorgono con orrore che gli animali della foresta sono ridotti a mostruosi zombie viventi, creature la cui carne in decomposizione copre solo in parte le ossa. Dai rami degli alberi, numerosi uccelli scheletrici fissano il trio, per poi prendere il volo ed avventarsi su di loro. Presi alla sprovvista, i cavalieri cercano di difendersi, ma un uccello strappa il braccialetto di fiori a Tenma, portandolo via in volo. Immediatamente il ragazzo si getta all'inseguimento, allontanandosi dal gruppo ignorando gli avvertimenti di Yato. Il cavaliere d'Unicorno cerca di raggiungere l'amico, ma fatti solo pochi passi si accorge di essere solo, separato non soltanto da Tenma ma anche da Yuzuriha. Intanto, Manigoldo di Cancer, inviato a proteggere Pegasus, ha raggiunto il limite esterno della foresta e la guarda disgustato. Il cavaliere avverte l'odore di putrefazione che si emana dal luogo, ma vi entra lo stesso, anche se un pò seccato. Nella foresta, Yuzuriha appare dopo essersi teletrasportata lontano dagli uccelli. Affaticata per lo sforzo, la ragazza si guarda attorno, accorgendosi di essere sulle sponde di un putrido stagno, popolato da pesci scarnificati e scheletrici. Disgustata, Yuzuriha si muove per allontanarsi alla ricerca di Tenma e Yato, non accorgendosi che un'onda di fango è emersa alle sue spalle finchè quest'ultima non l'afferra, trascinandola nello stagno. Tenma intanto riesce ad abbattere l'uccello che gli aveva rubato il braccialetto ed a riprendersi il maltolto. L'inseguimento però lo ha portato molto lontano dai compagni e, cosa più strana, i segni che il cavaliere aveva lasciato sugli alberi per ritrovare la via sono scomparsi, quasi come se le piante li avessero riassorbiti. Mentre il cavaliere cerca di spiegarsi la situazione, alle sue spalle arriva qualcuno: voltandosi, Tenma si trova davanti al suo vecchio orfanotrofio, con i bambini che erano cresciuti lì insieme a lui. Il cavaliere, che credeva gli amici perduti durante l'attacco di Hades di alcune settimane prima, è raggiante nello scoprire che sono tutti vivi e in buone condizioni, e corre ad abbracciarli. In lacrime, Tenma stringe a se la piccola Gamine, felice di rivederla, e non si accorge che i tre sono in realtà degli zombie pronti a colpire.

Glossario: /

Manga: Il capitolo è stato pubblicato nel n 13 Italiano.

La logica, questa sconosciuta: Alcuni uccelli hanno un teschio sproporzionato al corpo, e le piume attaccate direttamente sulle ossa. In passato Yuzuriha si era teletrasportata dall'Italia al Jamir (Cina), portando con se Tenma e Yato senza essersi affaticata tanto, mentre ora è debole per un salto di pochi metri nella foresta. Inoltre, con Yato a pochi passi da lei, teletrasportarsi da sola chissà dove nella foresta, perdendo il contatto con gli amici, non era la mossa più saggia da fare.

Note: "Questa foresta emana un odore di putrido insopportabile. Non è certo opera dell' uomo. Mi sa che è il lavoro che fa per me." Ed alla fine i Cavalieri dello Zodiaco incontrarono Resident Evil. Un capitolo molto particolare, apprezzabile per la lugubre ambientazione nella foresta, ma un pò troppo lontano dai canoni standard dei Cavalieri. A quanto pare, la foresta è popolata da zombie di animali, per lo più uccelli e pesci, e possiede una sorta di vita propria, che permette alle piante di rigenerare i danni subiti ed al fango di muoversi da solo. Verosimilmente, tutto ciò è opera del cosmo di Thanatos, ma è possibile che sia in azione anche qualche Spectre, visto che nel finale Tenma vede i suoi amici come persone normali, e non come zombie, cosa che suggerisce un potere illusorio simile a quello di Lemuri. L'unico essere vivente che si vede nella foresta, a parte i tre cavalieri, è una piccola mosca, cosa che potrebbe essere casuale o un indizio verso l'identità dello Spectre in questione. È evidente che Thanatos e Pandora ormai sanno dei poteri del braccialetto di Tenma e cercano di sottrarglielo in modo da renderne più semplice l'uccisione. Dopo qualche capitolo di assenza, rivediamo Manigoldo di Cancer, inviato dal Sacerdote sulle tracce di Tenma e compagnia, verosimilmente per proteggerli visto che nel capitolo 54 l'uomo aveva acconsentito alla missione dei tre. Yuzuriha mostra di nuovo i suoi poteri telecinetici, già visti nel capitolo 14, e si teletrasporta alla cieca nella foresta. Rivediamo i bambini dell'orfanotrofio di Tenma, presenza fissa nei primi capitoli della serie, e poi uccisi da Hades fuori scena nel capitolo 8 (numero 2). In quelle circostanze, Tenma aveva trovato l'orfanotrofio vuoto, ma non aveva mai visto i cadaveri, e per questo ora crede subito che possano essere vivi. Scopriamo anche che la bambina più piccola si chiama Gamine.