FRECCIA

(FRECCIA ???)

ETA': Sconosciuta; 16 anni circa

ALTEZZA: Sconosciuta; 1.80 M circa

PESO: Sconosciuto; 56 Kg circa

OCCHI: /

CAPELLI: /

DATA DI NASCITA: Sconosciuta;

LUOGO DI NASCITA: Sconosciuto, verosimilmente Grecia.

GRUPPO SANGUIGNO: Sconosciuto

SEGNI PARTICOLARI: Nessuno.

PARENTI CONOSCIUTI: Nessuno. Da quel che sappiamo probabilmente è orfano.

COSTELLAZIONE / SIMBOLO: La Freccia, costellazione ispirata al mito della battaglia tra Apollo ed i Giganti.

ARMATURA / ARMI: Armatura d'argento della Freccia. L'armatura di Betelgeuse non ha poteri speciali e copre la maggior parte del corpo del cavaliere. E' maggiormente rinforzata sul lato destro, dove ha una protezione speciale per il torace e copre interamente il braccio. L'armatura viene distrutta Sion e Libra dopo il passaggio del cavaliere alle schiere di Hades, ma in seguito riparata per poter essere usata di nuovo in futuro (vedi Note).

STIRPE: Cavaliere d'argento di Atena nella timeline alternativa di Lost Canvas.

PRIMA APPARIZIONE: Saint Seiya Lost Canvas n 2, capitolo 7.

EPISODI (SAGA): 3

NUMERI DEL MANGA: Lost Canvas n 2 (3 in Italia).

COLPI SEGRETI / POTERI: Il colpo segreto di Freccia è, come il nome suggerisce, una pioggia di frecce create con il cosmo. Nell'eseguire questa tecnica, il cavaliere porta il braccio destro in avanti, come a sferrare un pugno, ed usa il suo cosmo per materializzare una miriade di frecce fantasma, che volano verso il nemico. Tra le varie frecce illusorie, innocue, si nascondono di solito anche alcune frecce reali, i cui poteri non sono conosciuti (vedi Note). Sul piano fisico, Freccia ha le capacità di un normale cavaliere d'argento, anche se sembra più debole della maggior parte dei suoi compagni.

STORIA: Verosimilmente orfano di entrambi i genitori, il ragazzo che prenderà il nome di Freccia venne molto giovane a sapere dell'esistenza dei cavalieri di Atena, protettori della giustizia sulla terra, e decise di entrare tra le loro schiere. Dopo alcuni anni di addestramento, dei quali non è noto nulla, riuscì nel suo scopo e divenne cavaliere d'argento, conquistando l'armatura della Freccia e prendendo il nome della sua costellazione.

In quel periodo, l'esercito di Atena si stava preparando in vista dell'imminente ritorno di Hades, Dio dell'aldilà ed eterno nemico della Dea. Atena stessa era da poco risorta, incarnandosi nei panni della giovane Sasha, che, presa coscienza del proprio destino, aveva assunto il comando del Grande Tempio, base dei cavalieri, insieme al Grande Sacerdote. Pur non essendo a stretto contatto con Sasha, Freccia restò subito colpito dalla purezza del suo cosmo.

Circa due anni più tardi, i timori di tutti sembrarono trovare conferma quando il cosmo di Hades riapparve sulla Terra. Nel tentativo di apprendere più informazioni possibili, Sasha ed il Sacerdote inviarono un contingente di cavalieri, tra cui Freccia, in missione esplorativa in Italia, vicino al luogo in cui avevano percepito la presenza del Dio. Insieme a numerosi compagni, Freccia raggiunse la zona, trovando una cattedrale nascosta nella foresta. Entrati, i cavalieri vennero attaccati dagli Spectre, i guerrieri di Hades, che si dimostrarono superiori. Nonostante i loro sforzi, Freccia e gli altri non poterono far nulla e vennero sterminati dai nemici, riuscendo solo ad invocare con i loro cosmi il nome di Atena prima di morire. Poco dopo la morte, le loro anime vennero però contattate da Hades stesso, che gli offrì una nuova vita in cambio della morte di Sasha. Spaventato all'idea di dover passare l'eternità a scontare le atroci torture del mondo dei morti, ed in cuor suo anche desideroso di rivedere Sasha ed essere al suo fianco, Freccia accettò, e stessa cosa fecero i due compagni Auriga e Cerbero. In cambio, i tre tornarono in vita sotto forma di Spectre, ricevendo una maggiore forza e delle nuove armature, identiche alle precedenti ma nere come la pece, le Surplici. Per poter mascherare al meglio l'inganno, Hades inizialmente diede alle Surplici l'aspetto ed il colore delle armature originali.

 

Inviato ad uccidere Atena insieme ai compagni, Freccia si recò insieme ai compagni Auriga e Cerbero al Grande Tempio ed ottenne udienza con Sasha, raccontando la missione fallimentare di fronte a lei, il Sacerdote, ed i cavalieri d'oro di Bilancia ed Ariete. Inizialmente, Freccia ed i compagni diedero ad intendere di essere gli unici sopravvissuti alla missione esplorativa, per poi lanciarsi improvvisamente all'attacco contro Atena. Il loro assalto a sorpresa venne però vanificato da Sion e Dauko e così i tre furono costretti a gettare la maschera, ed a restituire alle loro corazze l'aspetto di Surplici, rivelando la verità e la loro scelta. Nella speranza che la sua nuova forza di Spectre sarebbe bastata, Freccia, affiancato da Auriga e Cerbero, lanciò le proprie frecce contro Atena, moltiplicandole grazie al cosmo, ma anche stavolta il tentativo fu vano a causa dell'intervento di Libra e Ariete, che contrattaccarono con i loro colpi segreti, annientando i tre.

In punto di morte, il guerriero chiese perdono prima di spegnersi. In realtà, Sasha li aveva sentiti morire durante la missione in Italia, e per tutto il tempo non aveva detto nulla per amore nei loro confronti. Subito dopo, il corpo di Freccia si dissolse in cenere, tra le lacrime di Sasha.

In seguito, la sua armatura venne riparata e messa da parte, in attesa che un giorno un altro cavaliere riuscisse a conquistarla.

NOTE: Le informazioni presenti in questo profilo provengono dal primo numero di Lost Canvas, e per la precisione dal capitolo 7. Ad oggi, è l'unico capitolo in cui Freccia compare, ed in tutti i dialoghi è indicato solo con il nome della costellazione e mai con il suo nome proprio, che di conseguenza è sconosciuto. Anche se il personaggio compare soltanto nella continuity alternativa di Lost Canvas, molto probabilmente i suoi dati fisici sono gli stessi di Betelgeuse nella serie classica, visto che il loro aspetto è quasi identico. Lo stesso discorso può essere fatto per il modo in cui si moltiplicano le frecce dopo il lancio. Non è chiaro se i poteri delle sue frecce siano gli stessi di quelli di Betelgeuse, ovvero se solo il Grande Sacerdote possa estrarle.

Non è del tutto chiaro se la Surplice di Freccia sia una corazza del tutto nuova, inizialmente camuffata da armatura d'argento, o se piuttosto si tratti di un'armatura d'argento trasformata. Nel primo caso, in qualche modo Atena ha in seguito recuperato i pezzi dell'armatura del Freccia, per poi conservarla nuovamente al Grande Tempio.

Nel corso dell'intero capitolo, Freccia non apre mai bocca, lasciando parlare il solo Cerbero. I dettagli della sua morte in missione sono molto vaghi, e non è chiaro se ad ucciderlo siano stati Hades, uno o più Spectre. Inoltre, non si sa se la cattedrale in cui è avvenuto lo scontro fosse stata ricoperta dal cosmo di Hades, che solitamente riduce di molto l'energia dei nemici, o se Freccia sia stato semplicemente sopraffatto da nemici superiori.

Profilo di Shiryu ©