FULMINE NERO

(BRONTE IL NERO)

ETA': Sconosciuta, esiste sin dalle epoche mitologiche.

ALTEZZA: Sconosciuta. 5 M circa

PESO: Sconosciuto. 400 Kg circa

OCCHI: Sconosciuto

CAPELLI: Sconosciuto

DATA DI NASCITA: Sconosciuta.

LUOGO DI NASCITA: /

GRUPPO SANGUIGNO: /

SEGNI PARTICOLARI: Come tutti i Giganti, Fulmine Nero ha un corpo enorme, alto quanto un piccolo palazzo.

PARENTI CONOSCIUTI: Fiamma Azzurra, Lava Rossa, Vento Bianco, Ferro Cremisi, Lama Cinerea (fratelli).

COSTELLAZIONE / SIMBOLO: /

ARMATURA / ARMI: Il corpo di Fulmine Nero è totalmente coperto da una corazza integrale di materiale sconosciuto, forse ferro, che nasconde persino il suo volto dietro una visiera. Il materiale di cui quest'armatura è formata è sconosciuto, e c'è persino la possibilità che quello sia il vero corpo del Gigante. Per ragioni sconosciute, la sua armatura è identica a quella di Vento Bianco, che potrebbe essere quindi suo gemello.

STIRPE: Gigante agli ordini di Crono.

PRIMA APPARIZIONE: Episode G n6, 4 capitolo (numero 12 in Italia) (manga).

EPISODI (SAGA): /

NUMERI DEL MANGA: Episode G n 6 (12 in Italia).

COLPI SEGRETI / POTERI: I poteri di Fulmine Nero sono sconosciuti visto che non ne fa mai uso durante la sua breve apparizione. Visto il nome, è possibile che siano collegati al fulmine, ma non vi sono certezze a riguardo. Come tutti i Giganti comunque, è dotato di una notevole forza fisica e di una mole spaventosa.

STORIA: I Giganti nacquero in epoche antichissime, figli di Urano, il Cielo, e Gea, la Terra, grazie alla quale ricevettero vari poteri associati al suolo ed i suoi elementi. Dotati di corpi enormi ed una forza immane, per secoli vagarono sul mondo, tormentando o sottomettendogli esseri umani, generalmente incapaci di opporre resistenza. Alla fine, decisi a porre fine al regno di Zeus e delle divinità Olimpiche, i Giganti mossero guerra contro di loro. A fermare il loro assalto all'Olimpo intervennero però il semidio Ercole e Zeus in persona, la cui folgore li precipitò negli abissi infernali del Tartaro, dove vennero sigillati per l'eternità. Questo conflitto prese il nome di Gigantomachia.

Millenni dopo, Crono, padre di Zeus, tornò sulla Terra desideroso di vendetta contro il figlio che lo aveva sigillato in passato. Solo due dei Titani ai suoi ordini erano però ancora in vita, ed egli stesso era ridotto ad una semplice emanazione cosmica priva di un corpo fisico. Per aumentare la forza del suo esercito, impegnato in una guerra contri i Cavalieri d'Oro di Atena, Crono sciolse quindi i sigilli del Tartaro, liberando i Giganti. Enormemente inferiori ai Titani in forza e cosmo, i Giganti vennero usati per missioni di disturbo, o come sicari, ottenendo però sempre scarsissimi risultati a causa dell'intervento dei Cavalieri d'Oro.

Insieme al fratello Vento Bianco, Fulmine Nero fu inviato in India per uccidere due cavalieri d'oro indeboliti da precedenti azioni: Ioria del Leone, che era esausto per l'aver appena finito di combattere contro il Titano Ceo, e Virgo della Vergine, che aveva appena usato quasi tutto il suo cosmo per purificare il mondo dal cosmo dei Titani. Fulmine Nero così comparve davanti all'indifeso Ioria, attaccando per ucciderlo, ma venne fermato dal cosmo di Virgo, giunto in aiuto del suo parigrado.

Certo della superiorità dei Giganti sugli esseri umani, Fulmine Nero e Vento Bianco si presero gioco di Virgo, offrendogli la morte, ed ignorarono le sue parole di avvertimento. Fu solo quando il cavaliere d'oro fermò senza sforzo i loro pugni e rivelò il proprio cosmo enorme che i due compresero la forza di chi avevano di fronte, ammettendo che il suo cosmo raggiungeva livelli divini.

Soverchiato dal cosmo del nemico, Fulmine Nero venne annientato con un colpo solo da Virgo, scomparendo insieme a Vento Bianco.

NOTE: Le informazioni presenti in questo profilo provengono dal numero 6 di Episode G, edizione originale (12 in Italia). I Giganti che compaiono in questa serie non sono legati a quelli del romanzo Gigantomachia, sono decisamente più deboli (e fisicamente grossi) e non trovano riscontro nella mitologia. In breve, sono carne da macello e raramente durano più di poche pagine. Questo è particolarmente vero per Fulmine Nero e Vento Bianco, che sono subito annichiliti dal cosmo di Virgo.

La particolarità di Ferro Cremisi è che il suo corpo è totalmente coperto dall'armatura, al punto da suggerire che sia fatto ferro e che quella che indossa non sia una corazza. A differenza di Ferro Cremisi, neppure i suoi occhi sono visibili dietro la visiera, esteticamente simile a quella di un cavaliere medioevale.

Non viene rivelato perchè l'aspetto di Fulmine Nero e Vento Bianco sia identico, colore a parte, a meno che non si tratti di gemelli. Parimenti, il Gigante muore prima di poter utilizzare qualsiasi colpo segreto. Fulmine Nero sembra prediligere gli attacchi con il pugno, mentre Vento Bianco quelli con il piede.

Profilo di Shiryu ©